L’Argentina in attesa dei Mondiali 2018

guida al campionato

I Mondiali di calcio riescono a falsare il passare del tempo, lo fanno correre più veloce. Sembra ieri che tutti trepidavano per sapere se sarebbero riusciti a qualificarsi per i Mondiali 2018, invece tutti i qualificati stanno già pensando a come affrontare i primi incontri, come vincere le prime sfide. Tra allenamenti, studi di strategia, pronostici, valutazioni, segreti , dubbi e certezze, c’è chi fa un voto alla Vergine Maria: Lionel Messi.

L’Argentina, come si può vedere su  www.scommesselive.com, non è certo tra le favorite, ma è forse questo a spingere il numero 10 del Barcellona e della Nazionale Argentina a fare una grande promessa: “Se l’Argentina vincerà i Mondiali andrò in pellegrinaggio da casa al santuario mariano di San Nicolás“, ha dichiarato il giocatore ad un giornalista. Il santuario è particolarmente caro al calciatore perché è praticamente nato e cresciuto con lui e si trova a “soli” 50 km dalla sua città. Anche il giocatore Sergio “el Kun” Agüero ha voluto associarsi alla scommessa, ma ha tenuto a sottolineare che si partirà da casa di Messi, visto che lui abita a Buenos Aires e il percorso sarebbe di 300 km.

A San Nicolás la notizia è stata accolta con grande gioia per due motivi: vincere i mondiali e ospitare Messi sarebbero due momenti estremamente esaltanti, tanto che il consigliere Manuel Passaglia ha detto che sarebbero disposti ad accogliere Messi con l’asado e accompagnarlo per tutto il tragitto.

Il santuario, nonostante abbia una storia piuttosto recente, accoglie ogni anno centinaia di migliaia di pellegrini che raggiungono il luogo a piedi, a cavallo o con alcuni mezzi motorizzati. Questo è diventato il santuario più frequentato dell’Argentina e chissà se, il 25 settembre, si potrà assistere anche alla venuta di Messi. Noi lo auguriamo al santuario, a tutti gli argentini nel mondo e, perché no, anche agli italiani visto che sono tanti i conterranei che hanno contribuito a costruire questa meravigliosa nazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *