Viaggio in Argentina: quali vaccini sono consigliati?

L’Argentina, diversamente da altri paesi del  Centro e Sud America, non ha particolari criticità legate alla salute e proprio per questo motivo non sono richieste vaccinazioni obbligatorie.

Febbre gialla

La febbre gialla (conosciuta anche con i nomi di tifo itteroide, ittero tifoide, febbre delle Antille o vomito nero) è una malattia trasmessa dalla zanzara infetta della specie Aedes Aegypti ed è in grado di infettare umani, primati e altri tipi di zanzara. Questa malattia virale è molto truculenta e porta febbre, brividi, nausea, inappetenza, dolori muscolare in particolare nella parte posteriore del corpo (schiena e arti), forti dolori di testa e causa dolori addominali e ittero al fegato da cui prende il nome di febbre gialla.

Alcune zanzare che portano malattie esotiche, hanno fatto la loro apparizione anche nel nostro territorio, complici i cambiamenti climatici e i grandi movimenti di merci. Per difendersi è bene utilizzare dei repellenti (almeno nel periodo estivo) e munire gli infissi di casa di zanzariere come quelle che si trovano su www.infissiinpvcroma.it per poter vivere sonni tranquilli. Se si organizza un viaggio in Argentina e si desidera visitare le cascate di Iguazo, è consigliabile fare il vaccino contro questo virus perché nella zona è molto diffuso e, solo nel 2008, c’è stata una bruttissima epidemia. Se pensate di arrivare o visitare Bolivia ed Equador, considerate che questo vaccino è obbligatorio.

Altri vaccini che potrebbero risultare utili se si visitano zone remote o selvagge, ma non obbligatori, sono la vaccinazione contro l’epatite A e il tifo. Ovviamente se pensate di visitare solo le grandi città, non correte nessun rischio, diversamente basta bere acqua in bottiglia e mangiare cibi cotti. È bene ricordare che la febbre dengue, in Argentina è endemica, ossia costantemente presente: nella stagione invernale il rischio di contagio è limitatissimo ma in estate aumenta vistosamente. È stato messo a punto un vaccino dalla Senofi, nel 2016, ma in Italia e in molti altri paesi europei non è stato registrato perché non considerato ancora testato secondo gli iter imposti dalle varie nazioni.

Una cosa importante da fare è consultare il proprio medico, prima di partire. Conoscendo il vostro stato di salute e le vostre eventuali problematiche, sarà in grado di dirvi se è necessario fare le vaccinazioni contro tetano, malaria, difterite, colera, epatite B, poliomelite. Alcune dovreste averle già fatte in quanto rientrano tra le vaccinazioni obbligatorie nel nostro Paese.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *