Storia della Cartomanzia

ambasciatargentina.it_cartomanzia

Cartomanzia dove è nata?

Sulle origini della cartomanzia circolano diverse versioni, storie e leggende di vario genere, alcuni riportano di una lontanissima origine cinese, in pratica una derivazione del Domino, considerato a quel tempo  un vero strumento per leggere il futuro un gioco oggi ma anticamente rivisitato, costituito da carte rudimentali dai disegni sgargianti, altre versioni si rifanno all’Egitto antico, Alliette è un fervente sostenitore della tesi egizia, infatti nel 1770 scrisse un lungo saggio sulla divinazione con le carte,  egli sosteneva anche ed era sicurissimo dei quello che affermava,  che l’unico libro salvatosi dall’incendio della biblioteca di Alessandria trattava appunto di cartomanzia, e di come era praticata nell’antico Egitto: e cioè con 78 sottili foglie d’oro, sulle quali erano incisi misteriosi geroglifici dalla cui lettura i sacerdoti predicevano il futuro.

L’introduzione delle carte con disegni e simboli

Le lamelle d’oro e i geroglifici con il passare dei secoli si trasformano in carte realizzate con tecniche rudimentali, ma arricchite da figure e simboli dai colori sgargianti e rifinite in oro; si trovano tracce della cartomanzia nel medioevo; dapprima in Spagna, in seguito in Francia e Germania, Nel 1540  Guillaume Postel pubblicò il volume Clef des Choses cachées ovvero Chiave delle cose occulte; il primo trattato con delle vere e proprie regole della divinazione; il trattato di Postel segnò la nascita della moderna cartomanzia e dei tarocchi, che attraverso cambiamenti e innumerevoli varianti ancora oggi fanno parte della cultura di molti Paesi nel mondo.

Cartomanzia moderna, l’evoluzione online

Nonostante l’evoluzione della cartomanzia verso i nuovi approcci tecnologici di oggi per  tarocchiecartomanzia il metodo unico e solo di lettura e di utilizzo resta quello classico; ovvero 78 carte divise in due gruppi: i 56 Arcani minori, divisi a loro volta in quattro semi (bastoni, denari, coppe e spade) e i 22 Arcani maggiori, le figure di riferimento sono  figure simboliche legate a interpretazioni universali come la ruota della fortuna, la giustizia, il matto detto anche l’appeso , la papessa, l’eremita, il carro, gli amanti,la torre, oltre ad altre figure composte da semi e numeri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *