Il sole e i suoi benefici, quanto conosciamo la nostra stella?

In questi giorni di quarantena e belle giornate molte, costrette a stare a casa e lontani dai propri uffici, magari lavorando in smart working, colgono l’occasione di godersi l’aria fresca, il cielo azzurro e solare. In Italia, soprattutto nelle città del nord, una condizione atmosferica spiegata da meteorologi e scienziati, ha creato intorno alla nostra stella un alone di luce molto potente che ha incuriosito molte persone ed è diventato foto virale su social network e WhatsApp. Questo alone, in realtà, è visibile anche intorno alla luna, forse lo notiamo nei giorni in cui è piena, l’oscurità della notte rende più difficile la percezione ad occhio nudo. Chiaramente, per il sole non si tratta di un fenomeno astronomico come può essere l’eclissi, le macchie o le tempeste solari; la prima è visibile ad occhio nudo, gli altri eventi si possono vedere solo con telescopi potenti e studiati per questa stella. Gli aloni di questi giorni, osservati e diventati social virali, sono creati dall’atmosfera nei suoi diversi strati. Gli esperti del Limet, centro meteo ligure, parlano dei “cirri” che sono nubi presenti nella troposfera composti da vapore acqureo e cristalli di ghiaccio che insieme creano l’effetto alone, in altri contesti creano l’arcobaleno o altre sfumature del cielo.

Quanto conosciamo la nostra stella?

L’osservazione del cielo, sia di notte che di giorno, è diventata una moda virale, le grandi lune rosse o chiare riempiono gli album dei social network. Si riscoprono conoscenze, magari acquisite a scuola, nuove e vecchie teorie, si studiano fenomeni o atmosferici o legati all’Universo.

La nostra stella, il Sole, dal latino Sol, è il punto di partenza della gravità e del movimento di otto pianeti principali, pianeti nani, satelliti e corpi minori. Forse il numero di pianeti principali è superiore, i telescopi astronomici iniziano ad essere tanto potenti da riuscire a percepire altri sistemi solari.

Il Sole non è una stella tanto grande ed è costituita da idrogeno, elio e metalli pesanti. Dalla sua superficie al suo nucleo, è un insieme di punti caldi e punti freddi, questi ultimi risultato proprio dell’incandescenza e delle reazioni dei suoi gas. Sulla Terra arriva il calore e le sue radiazioni elettromagnetiche principali che operano sull’equilibrio della natura e del clima con il mare e la rotazione della luna.

I benefici del sole, come viverli senza danneggiare pelle, occhi e salute

Il primo beneficio del Sole è che ci permette di vivere, una fonte inesauribile di energia e proprietà assorbite direttamente e indirettamente, comprese dalle piante. L’elioterapia è il nome scientifico che si da al beneficiare del sole con l’esposizione diretta, possibilmente evitando le ore più calde, soprattutto d’estate, dalle 12 alle 16.

Una giornata di primavera o al mare, d’estate ma anche nelle stagioni fredde quando si può, incrementa la vitamina D per effetto della radiazione solare. Significa che aiuta le ossa ad essere più forti, migliora la reazione allo stress, lo stato della pelle senza doverla bruciare, concilia il sonno e previene la formazione di alcune malattie e tumori.

Purtroppo, però, bisogna fare attenzione perché il caldo diretto e prolungato sulla pelle, sugli occhi e sui capelli rappresenta anche uno stress e fa assorbire al nostro corpo dei raggi che a lungo andare possono creare danni, ovvero, il contrario dei benefici che abbiamo descritto.

Quando si decide di trascorrere una giornata di sole, al mare, in piscina o a casa dobbiamo ricordarci di:

  • usare delle creme protettive, soprattutto contro i raggi più nocivi e forti;
  • idratarsi bevendo acqua, bagnando la testa e il corpo
  • fare delle pause all’ombra, ricordate che anche sotto gli ombrelloni i raggi del sole passano ed è importante usare creme protettive e idratarsi.

Seguendo questi consigli e queste precauzioni, anche per contrastare influenze e raffreddamenti, cogliete l’occasione di questi giorni di primavera e quarantena per trascorrere qualche ora al sole. Vi consigliamo la lettura di questo sito per trarre spunto nella creazione di una zona solarium nelle vostre abitazioni: https://ombrellonidagiardino.com/

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*